Voucher digitalizzazione

Voucher digitalizzazione

Nel corso della seduta del 10 luglio, il Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) ha assegnato 67.456.321 euro, a carico delle risorse del FSC 2014-2020, al Ministero per lo sviluppo economico per il finanziamento a favore di micro, piccole e medie imprese delle Regioni del Centro-Nord, di contributi diretti a favorire la digitalizzazione dei processi aziendali e l’ammodernamento tecnologico (art. 6 DL 145/2013). 

Il contributo in voucher per ciascuna azienda che presenterà la domanda, di importo non superiore a € 10.000, verrà concesso alle imprese esclusivamente per l'acquisto di software, hardware o servizi che consentano il miglioramento dell'efficienza aziendale e la modernizzazione dell'organizzazione del lavoro. In modo da favorire l'utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità come il tele-lavoro, l'e-commerce, la connettività a banda larga e ultra larga; da permettere il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare; da finanziare la formazione qualificata, nel campo ICT, del personale.

beneficiari saranno le micro, piccole e medie imprese (ad esclusione di pesca e agricoltura) con sede legale e/o unità operativa nel territorio nazionale  ed iscritte al Registro Imprese.

Le finalità sono quelle che riguardano l'acquisto di software, hardware o servizi finalizzati a:

  • migliorare l'efficienza aziendale;
  • modernizzare l'organizzazione del lavoro;
  • sviluppare soluzioni di e-commerce;
  • connessioni a banda larga;
  • collegamenti a internet mediante tecnologia satellitare in aree non infrastrutturate;
  • fornire formazione qualificata al personale.

Le spese ammissibili sono quelle sostenute dopo l'assegnazione del voucher di importo non superiore a € 10.000, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili e nei limiti delle risorse finanziarie stanziate (100 milioni di euro).

Contenuti, modalità e termini per la presentazione delle domande, saranno definiti con un Decreto direttoriale del Mise.

IMPORTANTE: per presentare la domanda, l'impresa deve disporre di un indirizzo di posta elettronica certificata e della firma digitale  del legale rappresentante, poichè la presentazione avverrà esclusivamente per via telematica.