Panoramica sul dopo voucher

Panoramica sul dopo voucher

Sono trascorsi cinque mesi dall'introduzione dei nuovi "buoni lavoro" in sostituzione dei voucher. Ma lo strumento non è decollato come acrebbe voluto il Governo. Le imprese hanno difficoltà a gestirli, in qualunque settore. In un articolo di oggi, "Il sole 24 ore", fa il punto della situazione in seguito alle considerazioni di imprenditori del settore del turismo, ma anche dell'industria, dell'agricoltura e del commercio, con un occhio allungato anche nel mondo delle famiglie. Se valutiamo la stagione balneare appena strascorsa le considerazioni di ristoratori, gestori di spiagge, commercianti sono assolutamente negativeil voucher permetteva di dare lavoro a tante figure (studenti, pensionati, cassaintegrati) ora, sia per la difficoltà di gestione, sia per il costo maggiorato, le chiamate di supporto lavorativo sono diminuite. E c'è chi non eslude un aumento del sommerso. Quindi un danno per le imprese, per i lavoratori, per lo stato che si è dimostrato miope e affrettato nella scelta di questo strumento. E' quanto ribadiscono all'unanimità le associazioni di categoria.

Le famiglie non si sono trovate meglio: i dati anticipati dall'Inps fanno pensare che anche qui tante figure lavorino senza contratto.

La difficoltà del decollo, quindi, sembra sia stata un mix di burocrazia e costi: la procedura di passaggio dalla piattaforma dell'Inps contro il più semplice e veloce acquisto in tabaccheria. Il dopo voucher sta proseguendo su un percorso difficile e alquanto nebuloso. Certamente, sono aumentati i rapporti "a chiamata", i part time, la somministrazione, i contratti a termine, ma tutti concordano sul timore che tutto questo non aiuti il mercato del lavoro.

 

da: http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2017-11-28/il-voucher-non-decolla-le-imprese-nuovi-strumenti-sono-complicati-e-costosi-172621.shtml?uuid=AERXSiJD