LIQUIDITÀ A CONDIZIONI AGEVOLATE CON LA GARANZIA GRATUITA DEL CONFIDI CANOVA

LIQUIDITÀ A CONDIZIONI AGEVOLATE CON LA GARANZIA GRATUITA DEL CONFIDI CANOVA

Il nuovo protocollo Treviso4Change

Per dare continuità alla positiva esperienza di Treviso Fund, progetto che ha sostenuto svariate imprese della città nell’accesso alla liquidità a condizioni agevolatissime durante il periodo duro del lock down, è stato sottoscritto lo scorso 28 giugno un nuovo protocollo d’intesa, denominato Treviso 4 Change, tra l’Amministrazione Comunale di Treviso e Canova, cooperativa artigiana di garanzia promossa dal sistema associativo di CNA territoriale di Treviso, con l’obiettivo di sostenere le attività economiche in questa nuova fase emergenziale, causata dall’aumento dei costi energetici e dalla carenza di materie prime e semilavorati.

Gli istituti bancari che hanno aderito alle condizioni definite dal nuovo protocollo sono: CentroMarca Banca, Banca Prealpi SanBiagio, BCC Pordenonese e Monsile.

Nel concreto, Treviso 4 Change si suddivide in tre possibilità di sostegno finanziario alle imprese, a seconda che il finanziamento sia necessario per effettuare investimenti, ovvero per avere liquidità di cassa e per l’anticipo del credito commerciale, oppure per l’approvvigionamento di scorte. 

Tipologia A: finanziamenti per investimenti

La tipologia A, deriva dall’esperienza positiva del Treviso Fund: si tratta di un finanziamento per investimenti. Il finanziamento partirà da un minimo di 10mila euro ad un massimo di 50 mila euro per le imprese con sede o almeno una unità locale operativa nel territorio comunale di Treviso. La durata massima del mutuo sarà di 72 mesi, di cui almeno 24 mesi di preammortamento. Le condizioni bancarie prevedono un tasso fisso Irs 6 anni + 1,10%, oltre a 100 euro di commissioni a favore della banca erogante. La Garanzia di Canova, gratuita, sarà del 50% a prima richiesta.

Tipologia B: affidamenti a breve termine

La nuova tipologia d’intervento B “a breve termine”, prevede un massimo di 18 mesi di affidamento bancario per generare liquidità in conto corrente o tramite l’anticipazione del credito commerciale. Questa tipologia di intervento è stata pensata per dare una risposta agli aumenti dei costi energetici e delle materie prime, con affidamenti da 10 a 50 mila euro. 

Sull’affidamento di cassa, il tasso d’interesse variabile convenzionato è pari alla media mensile dell’Euribor 3 mesi + spread del 4,00%; F.O.N. (commissione per messa a disposizione dei fondi) pari allo 0,1875% trimestrale sull’importo accordato dalla banca.

Sugli affidamenti commerciali (Sbf, anticipo fatture, import/export), il tasso d’interesse variabile convenzionato è pari alla media mensile Euribor 3 mesi + spread 1,75%; F.O.N. (commissione per messa a disposizione dei fondi) pari allo 0,1875% trimestrale sull’importo accordato dalla banca.

Tipologia C: finanziamenti per l’acquisto di scorte

La terza tipologia, sempre a breve termine (massimo 18 mesi), genera liquidità per finanziare l’acquisto di scorte. La crisi causata dall’emergenza Covid e il conflitto alle porte dell’Europa hanno fatto emergere le criticità di gestione dei magazzini. Gli investimenti mirano dunque a garantire le scorte necessarie per non compromettere la produttività e l’operatività delle aziende locali.

Per i finanziamento scorte, il tasso d’interesse variabile convenzionato è pari alla media mensile dell’Euribor 6 mesi + spread 1,50%, con tasso minimo pari allo spread; commissioni istruttoria bancaria 0,60%, con un minimo di 100 euro, spese d’incasso per rata pari ad € 2,50.

Anche per le tipologie di intervento B e C la Garanzia di Canova è gratuita, e pari al 50% dell’affidamento accordato dalla banca.

Un occhio di riguardo viene rivolto alle nuove imprese o nuove unità locali, costituite non oltre 24 mesi dal 28 giugno 2022, beneficiarie dei finanziamenti alle condizioni definite dal protocollo Treviso 4 Change, con la concessione di un contributo una tantum, pari a 500 euro, finalizzato all’ulteriore abbattimento del tasso di interesse bancario, elevato a 1.000 euro nel caso in cui le nuove iniziative imprenditoriali siano gestite da giovani (fino a 35 anni), oppure da donne.

Destinatari degli interventi 

Per accedere a questo tipo di finanziamenti convenzionati a valere su protocollo Treviso 4 Change le imprese richiedenti devono aver sede o almeno una unità locale operativa nel territorio comunale di Treviso.

E’ necessario inoltre essere Soci della Cooperativa di garanzia Canova, il cui contributo di iscrizione è pari a 100 euro una tantum.

Contatti

Se interessati a questo tipo di finanziamenti non esitate a contattare Canova allo 0422 3155 oppure via mail canova@cnatreviso.it

N.B. sono in corso di definizione, anche con altri Comuni della provincia di Treviso, protocolli d’intesa che consentano di replicare nel territorio provinciale queste tipologie di intervento per sostenere l’accesso al credito le nostre imprese.

 

f.te:cnatreviso.it