Il 6 dicembre arriva il Super Green Pass. Cosa cambia e come funziona?

Il 6 dicembre arriva il Super Green Pass. Cosa cambia e come funziona?

Sarà in vigore dal 6 dicembre al 15 gennaio, con possibilità di proroghe

Il Consiglio dei ministri ha dato ieri il via libera all’unanimità al decreto che rafforza le misure di contenimento della pandemia. È stato introdotto il Super Green Pass. Sarà dato solo a vaccinati e guariti, entrerà in vigore dal 6 dicembre al 15 gennaio, con possibilità di proroghe. Il testo prevede che la durata di validità del Green Pass sia ridotta dagli attuali 12 a 9 mesi.

Le “zone” del Super Green Pass

In zona bianca e gialla la maggior parte delle attività potranno essere svolte solo da coloro che sono in possesso del Super Green Pass. Anche in zona arancione le ulteriori limitazioni sul green pass, anche per i ristoranti, saranno valide solo per chi non è vaccinato. In zona rossa invece limitazioni e chiusure scatteranno per tutti. Certificazione rafforzata, come funziona?

Ristoranti e bar. In zona bianca, gialla e arancione potranno consumare al tavolo al chiuso solamente i vaccinati o i guariti (cioè persone con green pass rafforzato), con esclusione delle mense e il catering continuativo su base contrattuale, per i quali continuerà ad applicarsi il green pass ordinario. Nei ristoranti ai possessori di green pass non vaccinati sarà consentito sedersi e consumare all’aperto, o al bancone.

Il green pass rafforzato non è richiesto per i minori di 12 anni e per i soggetti esenti. Nessun limite massimo di persone per tavolo.

Cerimonie, feste e banchetti. Potranno partecipare a feste, matrimoni e cerimonie pubbliche solo chi ha il Super Green Pass.

Cinema, concerti, teatri. L’accesso a teatri, cinema, mostre, musei, concerti, sarà permesso solamente ai possessori della certificazione rafforzata. La capienza in zona bianca è al 100% per teatri, cinema e sale concerto, al 50% in zona gialla.

Discoteche. Niente serate in discoteca per i non vaccinati. Solo i vaccinati o guariti potranno frequentare locali notturni. In zona bianca le discoteche hanno una capienza del 75% all’aperto e al 50% all’interno. Chiusura in zona gialla.

Stadi e manifestazioni sportive. Nessun accesso agli stadi e ai palazzetti dello sport ai no-vax. In zona bianca la capienza è al 75% per gli stadi e al 60% per gli impianti sportivi al chiuso. In giallo scende al 50% per gli stadi e 35% al chiuso

Piscine e palestre. L’accesso è consentito in zona bianca a chi ha il green pass “base”. In zona gialla potrà entrare solamente chi è in possesso della certificazione rafforzata.

Sci. Per andare a sciare in zona bianca basterà la certificazione verde. In zona gialla sarà obbligatorio invece il Super Green Pass. Il limite della capienza per le cabinovie è fissato all’80%, sulle seggiovie è al 100%. Impianti chiusi in zona arancione o rossa.

Viaggi. In zona gialla e arancione, spostamenti concessi solo ai possessori certificazione verde rafforzata. Con le vacanze di Natale alle porte, il Green Pass base sarà richiesto a tutti gli ospiti di alberghi e di altre strutture ricettive.

Trasporti locali. Il  6 dicembre arriva la stretta anche sui mezzi di trasporto regioni e locali, come metropolitane e autobus, dove per salire sarà necessario il Green Pass “base”. Prima invece non era previsto l’obbligo di certificazione.

Scuola, personale sanitario e forze dell’ordine. Dal 15 dicembre sarà introdotto l’obbligo vaccinale per insegnanti e personale scolastico, militari e forze di polizia. Per tutto il personale sanitario diventa obbligatoria la terza dose di vaccino.

f.te: CNAVENETO.IT